News - TelevisioneNews

Sanremo 2011: primo Roberto Vecchioni, seconda Emma Marrone, terzo Albano

di Teresa Di Sandri

Sanremo 2011 primo Roberto Vecchioni seconda Emma Marrone terzo Albanolunedì 21 febbraio 2011 11:37

Si è concluso (per fortuna!) anche il Festival di Sanremo 2011 e il risultato è stato quello preannunciato nei giorni passati: in mezzo a tante polemiche e satire politiche vince ovviamente la canzone più "impegnata" (leggi: politicamente polemica) ovverosia Chiamami ancora amore di Roberto Vecchioni, una canzone che, nonostante il titolo, con l'amore, per lo meno quello romantico, c'entra ben poco, anche nei toni e nelle espressioni che sono più da pamphlet e da invettiva che da ballata sentimentale ("ci stanno uccidendo il pensiero", "il bastardo che sta sempre al sole", "chi ha vent'anni e se ne sta a morire/ in un deserto come un porcile", "questi signori del dolore", "in questo sputo di universo", "questa maledetta notte dovrà pur finire"...).

Seconda giunge Emma Marrone, questa volta i call center non sono riusciti nell'impresa di far trionfare per il terzo anno consecutivo un ex vincitore di Amici di Maria De Filippi. Comunque anche la giovane Emma, ha tentato di giocare la carta della polemica politica, pur di rastrellare qualche voto in più e adesso continua a giocarla per cercare di aumentare le vendite, con roboanti giudizi sulle cosiddette "Papi-girl" da cui lei, che sicuramente non è un prodotto televisivo e non ha mai avuto la ventura di partecipare a reality, si sente a ragione lontana le mille miglia.

Terzo giunge Albano Carrisi e questa terza piazza ha un po' il sapore di quella che l'anno passato fu la seconda piazza di Pupo ed Emanuele Filiberto di Savoia, anzi: della vittoria di Valerio Scanu, eliminato nel corso della seconda serata (proprio come Albano), con una canzone che non piaceva a nessuno e poi misteriosamente giunto sul podio. Ma sicuramente anche in questo caso i call center non c'entrano nulla: del resto un veterano come Albano mica può venire a Sanremo a far gita turistica, no?

Cosa rimane di questo Festival dunque? Lo diranno i posteri, vedremo se i brani venderanno anche a mesi di distanza, come successe a qualcuno l'anno scorso (Marco Mengoni, Malika Ayane, Noemi), intanto rimangono gli ascoltI: secondo Auditel il Festival di Sanremo 2011 ha macinato share di poco inferiori a quelli della finale dei campionati del mondo di calcio 2010 e a volte addirittura superiori (allora furono 13 milioni e 453mila telespettatori, per il festival la media è stata di 12 milioni, ma i picchi - frequenti - hanno superato i 15 milioni) - se sia credibile o no, giudicatelo voi.

Quello che il Festival quest'anno di sicuro NON è stato è una competizione canora, in cui le famiglie italiane - figli, genitori, nonni e nipoti - potessero scegliere un preferito e a tirare a indovinare il possibile vincitore finale.

Ma evidentemente di un festival così gli italiani non sentono più il bisogno.

Teresa Di Sandri



Commenti

  • Lavender
    Lavender - lunedì 21 febbraio 2011 21:00

    Dovreste cambiare il titolo di quest'articolo. Al secondo posto sono arrivati i Modà  (feat. Emma) e non "solo" Emma Marrone.

  • CaterinaPuccio
    CaterinaPuccio - lunedì 21 febbraio 2011 16:43

    Cito testualmente "...in mezzo a tante polemiche e satire politiche vince ovviamente la canzone più "impegnata" (leggi: politicamente polemica) ovverosia Chiamami ancora amore di Roberto Vecchioni, una canzone che, nonostante il titolo, con l'amore, per lo meno quello romantico, c'entra ben poco, anche nei toni e nelle espressioni che sono più da pamphlet e da invettiva che da ballata sentimentale..."
    Mia madre e mio padre mi hanno insegnato a rispettare l'altrui pensiero ma devo respirare a fondo per trattenere la rabbia verso queste parole...
    Come si fa ad affermare che la canzone di Vecchioni con l'amore c'entri ben poco? L'operaio perde il suo lavoro, i signori del dolore stanno uccidendoci il pensiero ma "tu chiamami ancora amore"... perchè l'amore è la chiave di tutto... perchè chiamare "amore" è l'antidoto al dolore, alle sofferenze di questo tempo...
    Mi dispiace davvero che non se ne colga il senso intimo perchè è vero che tutti siamo stanchi dell'eterna polemica del RubyGate ma questa canzone indica la cura... Cara Teresa di Sandri, lei quante persone crede che nel 2011 continuino a chiamarsi "amore"? Non ad innamorarsi, amare è troppo facile, a chiamare "Amore", a non vergognarsi di farlo... dall'altra parte c'è l'eccesso di chi "amore" ci chiama anche l'operatore del call center della Tim... ma sentirsi chiamare "Amore" da chi ti è accanto nella vita da 30 anni è tutta un'altra cosa... è il sapere di avere una certezza mentre tutto intorno sta cadendo... Tu chiamami ancora amore perchè questa notte dovrà pur finire...
    Questa canozne è la più bella dichiarazione d'amore degli ultimi 20 anni (per quanto mi riguarda l'ultima risale alla "donna cannone") e non è solo una dichiarazione d'amore verso una donna ma anche verso un popolo intero che a quanto pare, se l'ha fatta trionfare a Sanremo, si è sentito chiamato in causa... Spero che Vecchioni continui ancora a scrivere queste canzoni che per lei non "sanno di amore" perchè in ogni sua nota c'è la catarsi del mio essere e, forse, anche quello di un popolo intero...

  • stellinablu
    stellinablu - lunedì 21 febbraio 2011 14:57

    Certo, di Sanremo così, se ne può fare a meno. Viva l'Italia, va bene, allora, per favore, vallette italiane, non una straniera proveniente dallo scandalo della cocaina di Milano (perchè Morgan no e Belen sì?) che finge anche di essere una brava ragazza (Oh, quanto vuole bene a mamma e papà, senza di loro non avrebbe potuto fare nulla, senza Lele Mora, doveva dire). Poi una 1/2 americana che però parla poco inglese, la Canalis, e per ospite una 1/2 francese che fa l'attrice ma non sa recitare. Fuga di bellezze, oltre che di cervelli? Chi vuole restare in Italia? Emanuele Filiberto e Pupo, meno male, quest'anno ce li avete risparmiati.

  • Leggi tutti i commenti

Trova il miglior prezzo con:
Trova il miglior prezzo con kelkoo!

Loading