News - PersoneNews

Quentin Tarantino risponde alla polizia di New York

di Eliana Tagliabue

Quentin Tarantino risponde alla polizia di New Yorkmercoledì 4 novembre 2015 11:25

Dopo l'intervento appassionato di Jamie Foxx, volto a difendere il regista che l'ha diretto in Django Unchained, anche Quentin Tarantino si è fatto avanti difendendo sé stesso e le sue opere, in particolare The Hateful Eight, il suo ultimo film, che i sindacati della polizia di New York vorrebbero boicottare, in risposta alla protesta inscenata dal regista contro l'operato violento e razzista degli agenti.

A spalleggiare Tarantino è subentrata anche la Weinstein Company, la casa di produzione dei suoi film, sottolineando tutto il profondo rispetto che nutre per il cineasta e per il lavoro che svolge, oltre a ribadire che Tarantino è perfettamente in grado di difendersi da solo.

In effetti, il regista di Pulp Fiction ha parlato attraverso le pagine del Los Angeles Times, dichiarando che la manovra dei sindacati è semplicemente dettata dal bisogno di farlo stare zitto, probabilmente perché ha rivelato al mondo delle verità scomode.



Eliana Tagliabue



Grindhouse fotografie  Grindhouse fotografie  Grindhouse fotografie  

Commenti